Home>Guide>Creare uno shortcode in WordPress

Creare uno shortcode in WordPress


Creare uno shortcode in WordPress


Uno shortcode è una sorta di “codice segnaposto” che permette di richiamare funzioni più o meno complesse all’interno dei nostri contenuti. L’esigenza di creare uno shortcode nasce dall’impossibilità di inserire funzioni o codice eseguibile all’interno dell’editor o dei campi di input di WordPress. Ma come fare se hai la necessità di inserire nel testo dei tuoi articoli o delle tue pagine un contenuto variabile o risultante da una serie di operazioni e funzioni?

  • Leggi l'articolo, ti bastano solo 3 minuti, 10 secondi
    Sei di fretta? Scarica il PDF e consultalo quando vuoi!

Come creare uno shortcode

Per creare uno shortcode bisogna avvalersi della funzione add_shortcode(), che accetta 2 parametri:

$tag: il nome dello shortcode, tutto minuscolo senza spazi
(string) – (obbligatorio)
default: nessuno

$function: la funzione che genera il contenuto
(callable) – (obbligatorio)
default: nessuno

Per utilizzare lo shortcode nell’editor, è sufficiente inserirlo (tra parentesi quadre) come segnaposto e al momento della renderizzazione WordPress lo sostituirà con il valore restituito dalla funzione di richiamo.


Diversi tipi di shortcode

Gli shortcode si possono dividere in due categorie sostanziali:

  • self-closing: prevedono solo il tag di apertura, senza quello di chiusura
  • enclosing: prevedono un tag di apertura ed uno di chiusura

Nel secondo caso, tutto ciò che è all’interno dei tag di apertura e chiusura viene passato alla funzione che genera il contenuto attraverso il parametro $content.


Un esempio pratico: self-closing

Ipotizza, ad esempio, di voler inserire semplicemente nei tuoi contenuti il nome del tuo sito. Cosa succederebbe se lo cambiassi in futuro? Dovresti modificare tutte le pagine e gli articoli in cui esso è presente!
Con uno shortcode è possibile ovviare al problema, magari prelevando il nome del sito dalle opzioni di WordPress, inserendo nel file functions.php del tema attivo, che trovi nello spazio FTP del tuo sito, in:

wp-content/themes/{nome_del_tema}/

le seguenti righe di codice:

// Crea lo shortcode [nomesito]
add_shortcode( 'nomesito', function() {
	return get_bloginfo( 'name' );
} );

Ti basta inserire dove desideri il segnaposto [nomesito] e vedrai comparire nei contenuti nel frontend il nome del sito, così come settato nelle impostazioni del tuo WordPress.


Gestire gli attributi

Qualora ne avessi bisogno, c’è la possibilità di utilizzare dei parametri per aumentare la flessibilità degli shortcode.
Rifacendosi all’esempio precedente, ipotizza, ad esempio, di voler inserire il nome del sito completo di link, ma solo in alcuni casi. Inutile creare due shortcode che fanno sostanzialmente cose simili, ti basta utilizzare i parametri:

// Crea lo shortcode [nomesito] con parametri
add_shortcode( 'nomesito', function( $atts ) {
	extract( shortcode_atts( array(
	      'addlink' => false
	), $atts ) );
	
	if ( $addlink ) {
		return '<a href="' . home_url() . '">' . get_bloginfo( 'name' ) . '</a>';
	}
	return get_bloginfo( 'name' );
} );

Notiamo la differenza sostanziale: i parametri, assegnati alla variabile $atts sotto forma di array, vengono filtrati dalla funzione shortcode_atts() che controlla l’esistenza dei parametri ed eventualmente assegna un valore di default ad ognuno di essi.

Nel nostro esempio, qualora non specificassimo il parametro addlink, questo verrebbe automaticamente considerato false.
Ma come passare un parametro allo shortcode? Niente di più semplice! Ti basterà richiamarlo in questo modo: [nomesito addlink="true"].


Un esempio pratico: enclosing

Ipotizza, ad esempio, di voler inserire all’interno dei tuoi articoli dei contenuti accessibili solo agli utenti loggati ed inaccessibile agli altri. Ecco come fare:

// Crea lo shortcode [privato]
add_shortcode( 'privato', function( $atts, $content = null ) {
	if ( is_user_logged_in() ) {
		return '<div>' . $content . '</div>';
	}
	return '';
} );

Ti basta adesso utilizzare lo shortcode in questo modo [privato] e tutto ciò che è contenuto tra il tag di apertura e quello di chiusura del tuo shortcode sarà invisibile agli utenti non loggati.
Esempio:

Questo contenuto è visibile a tutti gli utenti
[privato]Questo contenuto invece è visibile solo agli utenti loggati[/privato]
Anche questo contenuto è visibile a tutti gli utenti



Ti è piaciuto questo articolo? Regalami un click per ripagarmi dello sforzo



Code4Life ti è stato utile? Sostienici con una donazione!

Dona con PayPal

Hai trovato interessante l’articolo? Allora ti consiglio di leggere:

Come personalizzare l'excerpt di WordPress

Come personalizzare l’excerpt di WordPress


Vediamo in questo articolo come personalizzare l’excerpt (riassunto), ovvero il testo che viene solitamente richiamato nel tema, ad esempio, nelle pagine di archivio e nei loop per introdurre gli articoli.

Come misurare le prestazioni del tuo sito web

Come misurare le prestazioni del tuo sito web


Scopri come misurare e monitorare le performance del tuo sito con i più accreditati strumenti online e migliorare l’esperienza utente e la valutazione dei motori di ricerca.

Oppure cerca tra gli articoli correlati


E tu cosa ne pensi? Condividi la tua opinione e discutiamone insieme
La tua email non sarà resa pubblico o utilizzata per inviarti spam, te lo prometto

Iscrivimi alla newsletter per ricevere news ed aggiornamenti
Utilizziamo piattaforme di terze parti per l’invio di newsletter. (Privacy Policy)
Tienimi aggiornato su questo articolo
Ricevi una email di notifica quando qualcuno scriverà un commento a questo articolo. (Privacy Policy)
Ricorda i miei dati per la prossima volta che scriverò un commento
Il tuo nome e la tua email verranno salvati in un cookie in questo browser. (Privacy Policy)