Home>Guide>A cosa servono gli attributi noopener e noreferrer?

A cosa servono gli attributi noopener e noreferrer?


A cosa servono gli attributi noopener e noreferrer?


Quante volte hai visto link aperti in un nuovo pannello (oppure in una nuova finestra) del browser sui siti web che visiti, o magari li hai personalmente inseriti nei siti che produci?
Questo tipo di collegamento, si ottiene attraverso l’attributo specifico target="_blank", lo saprai di certo. Ma sapevi che i link con tale attributo espongono gli utenti a possibili tentativi di phishing?
Ma procediamo con ordine e proviamo a comprendere l’argomento.

  • Leggi l'articolo, ti bastano solo 2 minuti, 35 secondi
    Sei di fretta? Scarica il PDF e consultalo quando vuoi!

In cosa consiste la vulnerabilità?

Ebbene sì, la banale apertura di un link in target="_blank" espone l’utente che compie l’azione a potenziali pericoli. Ma come? Non tutti sanno che la pagina aperta attraverso un link, ha una relazione con la pagina di provenienza, relazione che può essere sfruttata per avere parziale accesso a quest’ultima.


La proprietà "opener" di JavaScript

JavaScript ha tra le sue proprietà una in particolare, chiamata “opener” che contiene appunto un riferimento alla pagina di provenienza. Ma passiamo alla pratica. Prova a creare due semplici pagine:

  • index.html
  • target.html

In index.html, inserisci un semplice link alla pagina target.html:

<!DOCTYPE html>
<html lang="it">
<head>
	<meta charset="UTF-8">
	<title>PAGINA 1</title>
</head>
<body>
	<h1>Questa è la pagina di provenienza</h1>
	<a href="target.html" target="_blank">vai alla pagina target</a>
</body>
</html>

mentre in target.html, inserisci il seguente codice:

<!DOCTYPE html>
<html lang="it">
<head>
	<meta charset="UTF-8">
	<title>PAGINA TARGET</title>
</head>
<body>
	<script>console.log( window.opener );</script>
</body>
</html>

Aprendo index.html e cliccando sul link, vedrai, come previsto, aprirsi un nuovo pannello nel tuo browser, contenente la pagina target.html.
Fin qui tutto normale, ma prova ad aprire la console JavaScript del tuo browser in corrispondenza della pagina appena aperta:

Non sai come fare?

Chrome
  • Ctrl+Shift+J su Windows/linux
  • Cmd+Opt+J su MacOsX
Firefox
  • Ctrl+Shift+K su Windows/linux
  • Cmd+Opt+K su MacOsX

Vedrai la presenza dell’oggetto Window, che è appunto l’oggetto contente tutte le informazioni relative alla pagina di provenienza (index.html).


Un esempio di phishing

Bene, ora sappiamo e abbiamo testato che nella pagina di atterraggio, attraverso JavaScript, abbiamo a disposizione una serie di proprietà della pagina di provenienza, su cui naturalmente possiamo agire e modificare.

Aggiungi alla pagina target.html il seguente codice:

<script>window.opener.location = 'https://www.google.it';</script>

Ma cosa significa il codice inserito? Abbiamo agito sulla proprietà location dell’oggetto contenente i dati della pagina di provenienza, a cui diciamo di reindirizzare su www.google.it. In effetti, tornando al pannello che conteneva index.html, vedrai che adesso è puntata su www.google.it !!


Come può essere sfruttata la situazione?

Ipotizziamo che un malintenzionato crei un post virale ad esempio su Facebook, con link alla pagina target.html.
Da premettere che Facebook, per sua natura, apre i link dei post in target="_blank".
Cosa succederebbe se il link contenuto nella proprietà window.opener.location indirizzasse, anziché www.google.it, ad una pagina che esteticamente è del tutto uguale a quella di login di Facebook?
Beh, facile intuirlo! Molti, moltissimi utenti poco smaliziati, potrebbero cadere nel tranello ed inserire in questa pagina le proprie credenziali di accesso… e la frittata è fatta!


L'attributo "rel"

Come chiudere questa falla?
La prima cosa da fare, è prendere confidenza con l’attributo rel, specifico del tag HTML <a>.
L’attributo rel, che può essere utilizzato solo con il tag <a>, definisce la relazione tra la pagina HTML attuale e la pagina HTML linkata nel tag <a>. Può assumere diversi valori, forse uno dei più conosciuti ed utilizzati è nofollow, il quale indica che l’attendibilità della pagina linkata non è in qualche modo comprovata, in quanto si tratta magari di un link esterno al nostro sito.
In particolare, ad esempio, l’attributo rel="nofollow" viene utilizzato da Google per specificare che lo spider non deve “seguire” quel link, in alcuni casi, appunto perché magari esterno.


Noopener, Noreferrer

Tra i valori possibili dell’attributo rel, ci sono appunto noopener noreferrer (noopener per Google Chrome, noreferrer per Firefox), che bloccano la trasmissione dell’oggetto JavaScript Window, precedentemente trattato, che fa riferimento alla pagina di provenienza.
Prova infatti a modificare la pagina index.html in questo modo:

<!DOCTYPE html>
<html lang="it">
<head>
	<meta charset="UTF-8">
	<title>PAGINA 1</title>
</head>
<body>
	<h1>Questa è la pagina di provenienza</h1>
	<a href="target.html" target="_blank" rel="noopener noreferrer">vai alla pagina target</a>
</body>
</html>

quindi apri la pagina e clicca sul link… cosa è cambiato?
La pagina non viene più reindirizzata a www.google.it, pur aprendo come previsto la pagina target.html in un nuovo pannello del browser.


Conclusioni

Attualmente con la versione 4.7.4, WordPress ad esempio inserisce di default l’attributo rel="noopener noreferrer" nei link in target="_blank" inseriti attraverso l’editor TinyMCE nel backend.
È dunque una buona pratica inserire l’attributo rel="noopener noreferrer" nel tuoi link in target="_blank"?

La risposta non è semplice ed infatti scatena numerose discussioni sul web riguardanti eventuali “controindicazioni” circa la SEO, in particolare per i backlink, ma non sembra esserci un riscontro diretto e dimostrato sull’argomento, per ora.

Se vuoi saperne di più ti consiglio di leggere le discussione in merito:


Ed anche l’ulteriore discussione sulla community di Moz, in cui si smentiscono le eventuali problematiche SEO derivanti dall’utilizzo di rel="noopener noreferrer":


Ma se comunque preferisci non rischiare in attesa che si abbia più chiarezza sull’argomento, ecco come disabilitare l’inserimento automatico dell’attributo rel="noopener noreferrer" nei link esterni inseriti tramite l’editor di WordPress (a partire dalla v4.7.4):




Ti è piaciuto questo articolo? Regalami un click per ripagarmi dello sforzo



Code4Life ti è stato utile? Sostienici con una donazione!

Dona con PayPal

Hai trovato interessante l’articolo? Allora ti consiglio di leggere:

Mettere il sito in maintenance mode con .htaccess

Mettere il sito in maintenance mode con .htaccess


Ecco un utilissima guida su come mettere in modalità di manutenzione il tuo sito in WordPress, permettendoti di continuare a lavorare “dietro le quinte”.

Come fare il debug in Magento

Come fare il debug in Magento


Ecco una piccola guida per riuscire a scovare gli errori generati nel tuo e-commerce Magento, sfruttando al meglio gli strumenti di supporto allo sviluppo messi a disposizione dalla piattaforma.

Oppure cerca tra gli articoli correlati


E tu cosa ne pensi? Condividi la tua opinione e discutiamone insieme
La tua email non sarà resa pubblico o utilizzata per inviarti spam, te lo prometto